L’intelligenza è assenza di paura

Yoga Meditazione e Benessere > Blog > L’intelligenza è assenza di paura
1024x683 Inteligenza

Settimana scorsa ho scritto un articolo che parlava dell’istruzione, sinceramente mi affascina molto questa visione che ha Krishnamurti di spiegare questi concetti. Ad esempio; lui dice: “sapete cos’è l’intelligenza?” È una domanda che senza dubbio tutti sappiamo dare una risposta.

Wikipedia ci dice: “L’intelligenza è stata definita in molti modi: capacità di astrazione, logica, comprensione, autoconsapevolezza, apprendimento, conoscenza emotiva, ragionamento, pianificazione, creatività, pensiero critico e risoluzione dei problemi. Più in generale, può essere descritta come la capacità di percepire o inferire informazioni e di conservarle come conoscenza da applicare verso comportamenti adattivi all’interno di un ambiente o di un contesto…”

Krishnamurti definisce l’intelligenza la capacità di pensare liberamente, senza paura, senza legarsi ad una formula, in modo tale che possiate cominciare a scoprire per conto vostro che cos’è vero, che cos’è reale. Ma se abbiamo paura allora non saremo mai intelligenti. Perché qualsiasi tipo di ambizione, spirituale o mondana, produce angoscia e paura. In questo modo l’ambizione impedisce alla mente di essere chiara, semplice, sincera e quindi intelligente.

È veramente molto importante vivere, soprattutto quando si è giovani, in un ambiente nel quale non ci sia paura. A mano mano che cresciamo, quasi tutti noi ci riempiamo di paura. Ci spaventa la vita, temiamo di perdere il lavoro, ci intimoriscono le tradizioni, abbiamo paura di quello che potrebbero dire i nostri vicini, nostra moglie o nostro marito, ci spaventa la morte. Quasi tutti noi in un modo o nell’altro abbiamo paura; e dove c’è paura non c’è intelligenza.

L’ideale sarebbe di stare in un ambiente nel quale non c’è un clima di paura, ma un’atmosfera in cui si respira un senso di libertà, la libertà non di fare solo quello che ci pare e piace, ma di capire l’intero processo della vita. Perché la vita è davvero meravigliosa, non è quella bruttura a cui l’abbiamo ridotta. E potete coglierne la ricchezza, la profondità, la grazia straordinaria soltanto quando vi ribellate contro tutto, contro la religione organizzata, contro la tradizione, contro l’attuale società corrotta, per trovare in voi, come esseri umani, la capacità di scoprire per conto vostro quello che è vero.

Non imitare, ma scoprire: questa è educazione, vi pare? È molto facile adeguarsi a quello che la società, i vostri insegnanti, o i vostri genitori vi dicono di fare. Questo è un modo di esistere facile e sicuro; ma non è vivere, perché porta con sé la paura, la corruzione e la morte. Vivere significa scoprire per conto proprio quello che è vero, e potete fare questa scoperta soltanto quando c’è libertà, quando dentro di voi c’è una rivoluzione continua. Ma nessuno vi incoraggia a vivere così, nessuno vi dice di indagare e di scoprire per conto vostro che cos’è Dio, perché se doveste ribellarvi diventereste un pericolo per tutto quello che è falso.

I vostri genitori e la società vogliono che viviate senza correre rischi e anche voi volete sentirvi al sicuro. Ma vivere senza correre rischi solitamente vuol dire vivere in modo artificiale e falso, alimentando così la paura. La funzione dell’istruzione è certamente quella di aiutare ognuno di noi a vivere nella libertà, senza paura, vi pare? E per creare un’atmosfera nella quale non ci sia paura è necessaria, sia da parte vostra che da parte degli insegnanti, dei docenti, una grande capacità di pensare.

Provate ad immaginare che cosa straordinaria sarebbe creare un’atmosfera simile, perché ci rendiamo conto che il mondo è preda di guerre senza fine, è in mano a politici assetati di potere; è un mondo di avvocati, di poliziotti, di soldati, di uomini e donne ambiziosi che vogliono farsi una posizione e che proprio per questo sono in continua lotta tra loro. Poi ci sono i guru, le guide religiose con i loro seguaci. Anche loro cercano il potere, vogliono una posizione, in questa o nella prossima vita. È un mondo impazzito, caduto nella più completa confusione.

Il mondo è dilaniato dalle fedi in conflitto tra loro, dalle distinzioni di casta e di classe, dai nazionalismi, dalla stupidità e dalla crudeltà, sotto qualsiasi forma si manifestino.

È questo il mondo in cui veniamo preparati ad entrare. Siamo spinti a prendere posto nella struttura di questa società disastrosa.

Bisogna creare un’atmosfera di libertà, nella quale possiamo vivere scoprendo da noi che cosa è vero ed essere così persone intelligenti, capaci di affrontare il mondo e di comprenderlo senza conformarsi ad esso.

Solo quando non vi stancate di indagare, di osservare, di imparare, solo allora scoprirete la verità, Dio, l’amore. E non potete indagare, osservare, imparare, non potete essere profondamente consapevoli, se avete paura. Perciò è certamente funzionale nell’educazione di sradicare, tanto interiormente che esteriormente, questa paura che distrugge il pensiero umano, la relazione umana e l’amore.

La paura corrompe l’intelligenza ed è una delle cause dell’egolatria

-KRISHNAMURTI

Cos’è l’intelligenza?

Affrontiamo questa domanda con molta cautela, pazientemente, e scopriamolo. Scoprirlo non significa arrivare ad una conclusione. Non so se comprendete la differenza. Nel momento in cui arrivate a concludere che cos’è l’intelligenza, smettete di essere intelligenti. È questo quello che hanno fatto molte persone prima di voi: sono arrivate a delle conclusioni. Perciò hanno smesso di essere intelligenti. Così ora avete scoperto una cosa: una mente intelligente impara sempre, non arriva mai ad una conclusione.

Che cos’è l’intelligenza? moltissime persone si accontentano della definizione di intelligenza. E dicono: “Sì, è una buona definizione”, oppure preferiscono definirla a modo loro. Ma una mente che si accontenta di definizioni è molto superficiale, quindi non è intelligente.

Quindi una mente intelligente è una mente che non si accontenta di definizioni, di spiegazioni, e non le basta arrivare ad una conclusione; non è nemmeno una mente che crede in qualcosa, perché una fede è ancora un modo di arrivare ad una conclusione.

Una mente intelligente è una mente che indaga, che osserva, che impara, che studia. Questo cosa significa? Che c’è intelligenza solo quando non c’è paura, quando non temete di ribellarvi, di andare contro l’intera struttura sociale per poter scoprire che cos’è Dio, per poter scoprire la verità a proposito di qualsiasi cosa.

Intelligenza non è conoscenza; anche se leggeste tutti i libri del mondo non diventereste per questo intelligenti. L’intelligenza è qualcosa di molto sottile; non rimane ancorata da nessuna parte. Affiora solo quando capite l’intero processo della mente, della vostra mente, non della mente di cui parlano i filosofi o insegnanti. La vostra mente è il prodotto dell’umanità intera, e quando lo capite non avete più nulla da studiare sui libri, perché la mente contiene in se stessa tutta la conoscenza del passato.

Quindi l’intelligenza viene con la comprensione di voi stessi; e potete capire voi stessi solo quando siete in relazione col mondo delle persone, delle cose, delle idee. L’intelligenza non è qualcosa che potete acquisire, come la cultura; sorge insieme ad una profonda ribellione interiore, che implica non avere paura, e questo in realtà significa la presenza di un sentimento d’amore. Perché quando non c’è paura, c’è amore.

Chiedere cos’è l’intelligenza e come chiedere che cos’è la vita. La vita è studio, gioco, sesso, lavoro, litigi, invidia, ambizione, amore, bellezza, verità. La vita è ogni cosa. Ma la maggior parte di noi manca la pazienza di portare avanti questa indagine con serietà e coerenza.

Messaggio precedenteArticolo successivo

Related Posts