Danze in Cerchio

Danzando si affina la percezione di sé, del proprio spazio e dello spazio in relazione con gli altri.

Nel tempo di una musica i passi e i gesti proposti parlano ad ognuno in un modo unico e irripetibile, si crea una magica armonia che parla al cuore.
Le danze che propongo sono:

  • Danze Meditative

La danza meditativa è una forma di meditazione in movimento; nasce intorno agli anni ’70 grazie al ricercatore, danzatore e coreografo Bernhard Wosien (1908-1986). Affascinato dai linguaggi non verbali, sperimenta le danze in cerchio dei diversi paesi europei, laddove la tradizione era viva ed era ancora parte della vita del popolo, recuperando un vasto repertorio di danze, studiandone per molti anni l’aspetto rituale e simbolico ed elaborando lui stesso delle coreografie originali e significative che ancora oggi vengono praticate da molti gruppi di danza.

  • Danze dei Fiori di Bach
  • In queste danze, che si svolgono in cerchio, si viene supportati dal gruppo nel quale si trova sostegno e conforto. Attraverso l’armonia e la semplicità dei gesti e dei passi, che si ripetono per la durata di una musica, la mente riesce a liberarsi dai pensieri, riemerge una lucida consapevolezza; è un sentiero che porta a ricercare l’equilibrio dentro di sé.

    La danza è una rappresentazione della vita, i movimenti sono tra terra e cielo, un passo dopo l’altro, andando avanti, a volte tornando indietro, con il cuore rivolto verso il centro della nostra esistenza, a volte da soli, spesso dandoci la mano. Con le nostre vite che si intrecciano, si incontrano e se si lasciano…è solo con lo sguardo, il cuore rimane in collegamento.

  • Le Danze dei fiori di Bach sono danze in cerchio, introdotte negli ultimi decenni da Anastasia Geng, (1922-2002) esperta di danze popolari antiche, originaria dei Paesi Baltici. Il suo amore per la natura, la porta a coreografare le sue danze, associandole ai fiori, agli alberi ed alle erbe medicinali.

    Come i Fiori di Bach, così le danze aiutano a ritrovare l’equilibrio e l’armonia.

    I passi sono semplici e consistono in movimenti ritmici, armonici e spesso divertenti. Disegnare le nostre emozioni nello spazio ci permette di accoglierle per esaminarle, viverle e quindi rielaborarle.

    Consideriamo per esempio la danza ELM, nella quale attraverso una semplice spirale intorno a noi stessi, ci sentiamo aiutati a riprendere il nostro centro e ritrovare la fiducia interiore, oppure Mimulus, che ci fa ridere e  ci spinge all’azione, così riusciamo a sublimare le nostre paure e affrontare le prove della vita con maggiore coraggio e determinazione.

  • Insegnante Ornella