Raja Yoga

da Loredana Colitti
Visite: 4243

Lo Yoga in generale si occupa, attraverso le varie modalità con le quali si è espresso nel corso dei millenni, del problema della disarmonia e della disomogeneità della coscienza. La varietà delle sue pratiche è, in realtà, volta a un unico obiettivo, quello di realizzare l'unità percettiva ed esperienziale dell'essere umano, cosa che è espressa anche nel significato stesso di Yoga, per l'appunto unione.

Patanjali, il padre del Raja Yoga, attraverso gli Yoga-Sutra ha codificato in modo assolutamente scientifico tutto quanto occorre all'essere umano per compiere quella transizione che le Upanisad descrivono come ciò che ti fa passare 'dall'irreale al reale, dal buio alla luce e dalla morte all'immortalità'. L’Ashtanga che significa letteralmente "otto passi", indicati nello Yoga-Sutra di Patanjali, costituiscono gli scritti filosofici di base dello Yoga.

In India, dove lo Yoga è nato, il Raja Yoga, rispetto agli altri tipi di Yoga, è considerato il più elevato, quello che include in sé anche gli effetti di tutte le altre possibili pratiche.

 

PROGRAMMA:

Yoga, scienza dell'essere e dell'evoluzione - I diversi tipi di Yoga - Il pranayama, la scienza del respiro - Introduzione alla meditazione - I piani della creazione - I sette raggi - I regni di natura - L'uomo come microcosmo - La coscienza dell'atomo - Kundalini, l'energia evolutiva dell'uomo - Chakra centri di energia e di coscienza - I corpi sottili - L'aura e i suoi colori - Il Karma, la legge di causa/effetto, reincarnazione - I sogni - La trasformazione delle emozioni negative - Gli otto stadi dello Yoga - Le iniziazioni, il percorso iniziatico - La gerarchia celeste, i maestri di saggezza - Salute, malattia e guarigione esoterica - Il servizio

Il Significato di Salute

È possibile che esistono metodi che riescono ad appagare il desiderio di comprendere qualsiasi sintomo e che risolvono tutti i problemi? Lo studio del Raja Yoga conduce proprio questo,

Lo studio del Raja Yoga

Tutta l'attività umana si basa sulla percezione, sia interiore che esteriore, che l'uomo ha di sé e della vita. Penso sia abbastanza condivisibile il fatto che l'attività emotiva e mentale condiziona

Gli Otto Stadi di Patanjali

YAMA: Questa parte somiglia molto ai cinque precetti del buddhismo o ai dieci comandamenti dell’ebraismo e servono come fondamento etico e morale del comportamento verso sé e verso gli altri.