IL Significato Simbolico di "OM"

Categoria principale: Blog
Visite: 636

Nella tradizione dello yoga OM è il mantra più sacro e rappresentativo. E’ il suono primordiale che ha dato origine alla creazione.

Racchiude in sé i tre aspetti divini: la creazione (Brahman), la conservazione (Vishnu) e la tra-formazione (Shiva).

OM deriva dal mantra induista AUM: che rappresenta la sintesi e l'essenza di ogni mantra e proprio per questo AUM viene recitato in apertura di altri mantra.

“A” è la vita nello stato di veglia della coscienza che si muove verso l’esterno, comune a tutti gli uomini.

“U” è la vita nello stato di sogno della coscienza che si muove all'interno. Colui che conosce questo ottiene equilibrio.

“M” è la vita nello stato di sonno della coscienza silenziosa dove la persona non ha né desideri né sogni. Questa è la condizione di unità.

OM come suono unico è lo stato della coscienza suprema.

Il mantra OM proietta nella dimensione del silenzio. Recitare il mantra OM coinvolge il respiro e la consapevolezza poiché la sua vibrazione produce risonanza nella gabbia toracica e nel cranio toccando il livello emotivo della persona.

Significato Simbolico

  1. Lo stato Assoluto - Indica il quarto stato della coscienza. In questo stato la coscienza non guarda né dentro né fuori. È uno stato di pace e quiete, il fine ultimo di tutta l'attività spirituale.
  2. Illusione/Maya – E’ quanto si incontra sulla strada dell'evoluzione spirituale. Non tocca lo stato assoluto, a indicare che lo stato più alto di coscienza non è toccato da Maya.
  3. Lo Stato di Sogno - Sta tra il sonno profondo e lo stato di veglia, indica lo stato di sogno. In questo stato la coscienza è volta all'interno e il sognatore esperisce un mondo dietro agli occhi chiusi.
  4. Lo Stato di Veglia - Questo stato di coscienza è rivolto verso l'esterno e sperimenta il mondo attraverso i cinque sensi. È il più comune stato della coscienza umana.
  5. Lo Stato di Incoscienza - Indica lo stato di sonno profondo. In questo stato il dormiente è chiuso in sé, senza desideri né sogni.