Medicina Tibetana

La Medicina Tradizionale Tibetana (MTT) è una scienza medica naturale e olistica, ma anche un’arte di antichissime origini che si rivolge ai bisogni del corpo, della mente e dello spirito dell'essere umano in modo integrato. Sebbene siano presenti alcuni punti in comune sia con la Medicina Ayurvedica Indiana che con la Medicina Tradizionale Cinese, la Medicina Tradizionale Tibetana (MTT) è caratterizzata da una genesi, storia e sviluppo propri, le cui radici affondano nel suggestivo territorio Tibetano, nella cultura autoctona ma soprattutto nello spirito della sua gente.

Una delle principali caratteristiche della Medicina Tradizionale Tibetana (MTT) è di essere praticata parallelamente alla filosofia Buddista e allo stesso tempo ne ha assorbito la filosofia stessa, la cosmologia e il sistema dell’anatomia sottile in associazione con le pratiche spirituali. Va aggiunto che la MTT comprende un patrimonio di conoscenza sull’anatomia, fisiologia, embriologia, patologia, metodi di diagnosi e cura.

La scienza della MTT include un’immensa farmacopea naturale, così come un ricco sistema di terapie esterne, conosciute, ancora in minima parte, in Occidente come:

Massaggio – Ku Nye
Agopuntura - Thuche
Moxibustione o Moxa - Metsa
Moxibustione Mongola o Hor-me - Moxa con olio caldo e spezie
Coppettazione - Mebum
Balneoterapia con erbe - Lum
Salasso - Traka
Compresse di calore – Dug
Gli scopi della MTT sono principalmente due:

Prevenzione
La prevenzione delle malattie mediante uno stile di vita e una dieta alimentare corretti è un punto fondamentale nella MTT. La maggior parte delle malattie croniche della nostra epoca, sono il risultato di stati mentali non equilibrati, di stili di vita scorretti e di una dieta sbagliata. Il diabete e le malattie cardiovascolari sono esempi ben noti a questo proposito.

Cura
Una volta insorta una condizione di squilibrio, la malattia diventa chiaramente manifesta. Si rende quindi necessario ripristinare l'equilibrio perduto agendo sull'origine delle cause e sugli effetti della malattia. Significa, in primo luogo, occuparsi degli aspetti riguardanti il regime dietetico e lo stile di vita e solo in seguito, se non si sono ottenuti i risultati sperati, somministrare le medicine a base di erbe e utilizzare le terapie esterne.